logo di stampa italiano
 

6 Consumi di materie prime e materiali di consumo (al netto della variazione delle rimanenze di materie prime e scorte)

 
 20112010Variazioni
Energia elettrica destinata alla vendita 1.285.598 1.212.962 72.636
Metano destinato alla vendita e gpl al netto delle variazioni delle scorte989.090800.972188.118
Materiali per la manutenzione al netto delle variazioni delle scorte55.73760.853-5.116
Acqua39.22435.5013.723
Energia elettrica ad uso industriale24.7516.79717.954
Metano per uso industriale14.6004.05110.549
Combustibili, carburanti e lubrificanti14.25913.1641.095
Prodotti chimici13.95414.313-359
Combustibili gestione calore4.8631.7633.100
Oneri e proventi da derivati-11.534-2.399-9.135
Oneri e proventi da valutazione certificati-2.713-13.43310.720
Materiali di consumo e vari12.2575.9266.331
Totale 2.440.086 2.140.470 299.616

Per l'analisi dell'andamento dei costi delle materie prime e dei materiali di consumo si rinvia alla relazione sulla gestione e alla nota riportante l'informativa per area di business. Per la voce "Oneri e proventi da derivati" si rinvia alla nota 21 della situazione patrimoniale finanziaria.

Di seguito sono commentate le variazioni più significative rispetto al corrispondente periodo dell'esercizio precedente.

"Energia elettrica destinata alla vendita", tale voce include anche il costo dei certificati verdi, grigi e bianchi sostenuto nell'esercizio 2011 per 39.419 migliaia di euro (26.671 migliaia di euro nel 2010), in particolare:

  • 18.904 migliaia di euro per certificati bianchi (11.959 migliaia di euro al 31 dicembre 2010);
  • 11.295 migliaia di euro per certificati grigi (5.462 migliaia di euro al 31 dicembre 2010);
  • 9.220 migliaia di euro per certificati verdi (9.250 migliaia di euro al 31 dicembre 2010).

 

"Oneri e proventi da valutazione certificati" accoglie le risultanze della valutazione al fair value dei seguenti certificati:

  • verdi, proventi per 4.814 migliaia di euro (11.276 migliaia di euro al 31 dicembre 2010);
  • grigi, oneri per 2.759 migliaia di euro (proventi per 2.157 migliaia di euro al 31 dicembre 2010);
  • bianchi, proventi per 658 migliaia di euro.

 

Il significativo decremento rispetto all'esercizio precedente è imputabile principalmente alla vendita al GSE dei certificati verdi già in portafoglio nel precedente esercizio e relativi agli anni 2008, 2009 e 2010 dell'impianto Wte di Ferrara (per 13.699 migliaia di euro classificati tra i "ricavi delle vendite e delle prestazioni" del 2011).